I comuni della valle partecipano al Consorzio Val d’Agrò ed all’Unione dei comuni delle Valli joniche dei Peloritani. I comuni della Valle d’Agrò sono: Santa Teresa di Riva, Sant’Alessio Siculo, Forza d’Agrò, Savoca, Limina, Roccafiorita, Antillo, Casalvecchio Siculo e Furci Siculo. La valle d’Agrò giace sul versante orientale dei monti Peloritani, in Provincia di Messina e, deve il suo nome all’omonimo torrente che ne solca il fondo per tutta la sua lunghezza. La valle dell’Agro venne colonizzata sin dai tempi dei Fenici ed il primo insediamento si tratta di Phoinix, stazione commerciale che viene identificata con l’attuale Santa Teresa di Riva. A partire dal V secolo a. C., i Greci, colonizzarono l’intero territorio della valle. nel 260 a.C., nei pressi di Limina, in occasione della Prima Guerra Punica, si combatté una cruenta battaglia tra Cartaginesi e Romani. Nel corso della lunga dominazione romana, la valle venne interessata dalle guerre civili seguite all’uccisione di Giulio Cesare. Durante il Medioevo, la valle venne frequentata dai bizantini e dagli arabi, furono questi ultimi ad inserire nuove colture (come gli agrumi e l’albicocco). Al periodo dell’occupazione normanna della Sicilia risale la costruzione dell’abazia basiliana arabo-normanna di San Pietro e Paolo. A partire dal XII secolo i villaggi di questa valle furono sottoposti al potere politico, amministrativo, giudiziario e militare della cittadina di Savoca, capoluogo di una baronia sotto il mero e misto imperio dell’Archimandrita di Messina. Con l’abolizione del feudalesimo in Sicilia, nel 1812, i villaggi della valle iniziarono ad emanciparsi dalla baronia di Savoca proclamandosi comuni autonomi facenti parte del Circondario di Savoca. (fonte wikipedia) Oltre la storia uno dei motivi per visitare la vallata sono Le spiagge di Fondaco Parrino. Partendo dalla città di Santa Teresa di Riva, sorpassato Sant’Alessio Siculosi vedono alcune piccole spiaggette di sassi, libere da stabilimenti balneari e con l’acqua limpida e invitante. L’ideale per rinfrescarsi e rilassarsi sotto al caldo sole siciliano. Durante il breve tragitto in auto impossibile non notare il Castello Saraceno che domina la costa dal Capo d’Argento. Altro fiore all’occhiello è il borgo più bello d’italia ed ovvero la cittadina di Savoca.  Borgo  silenzioso e magico, si trova arroccato sopra Santa Teresa di Riva, a 300 metri sopra il mare su un colle bivertice, domina tutta la valle e racchiude in sè un’antica bellezza magica. Di origine medievale e ricchissima di chiese, se ne contano ben 17, porta ancora oggi i segni del passaggio della popolazione dei Pentefur, della dominazione Araba e dello stanziamento di una comunità ebraica con una propria sinagoga. Inoltre è stato insieme al paesino di Forza d’Agrò i luoghi in cui è stato girato il famoso film il padrino (fonte nonsoloturisti.it)

Get Updates & More

Thoughtful thoughts to your inbox

Translate »